I MARINAI DELL’ACI MARINA DI VRBOSKA HANNO SOCCORSO TRE MEMBRI DELL’EQUIPAGGIO DI UNA IMBARCAZIONE NEI PRESSI DELL’ISOLA DI ZEČEVO

I MARINAI DELL’ACI MARINA DI VRBOSKA HANNO SOCCORSO TRE MEMBRI DELL’EQUIPAGGIO DI UNA IMBARCAZIONE NEI PRESSI DELL’ISOLA DI ZEČEVO

Le condizioni meteorologiche sfavorevoli in tutto l’Adriatico, a cui abbiamo assistito in questi primi giorni di agosto, hanno messo in allarme i marinai dell’ACI marina di Vrboska, accorsi in soccorso di un’imbarcazione il cui motore aveva smesso di funzionare a causa di forti raffiche di vento.

  Lunedì 8 agosto, l’ACI Marina Vrboska ha ricevuto una richiesta di aiuto dall’Autorità Portuale di Spalato in merito a una nave il cui motore aveva smesso di funzione a causa delle forti raffiche di vento. Immediatamente dopo aver ricevuto la chiamata, i marinai Dinko Damjanić e Mihovil Šišejković sono entrati prontamente in mare. L’isola di Zečevo, non lontano da Vrboska, è il luogo in cui hanno trovato i tre membri dell’equipaggio visibilmente in difficoltà. Congelati e ipotermici, ma per fortuna illesi, sono stati riportati a terra dalla scialuppa del porto turistico dell’ACI.  

Nonostante le condizioni sfavorevoli del mare, l’operazione di salvataggio è stata eseguita con successo

  Secondo quanto riportato da uno degli eroi dell’ACI, Mihovil Šisejković, la tempesta non si era fatta sentire presso il porto turistico perché si tratta di una struttura ben riparata. Mihovil e il suo collega Dinko Damjanić erano in quel momento impegnati ad ormeggiare le navi, quando, all’improvviso, hanno ricevuto una chiamata dalla reception dell’ACI marina di Vrboska che li avvisava della necessità di andare in soccorso di una barca in difficoltà. «L’autorità portuale di Spalato aveva informato che una nave stava affondando vicino a Zečevo, quindi siamo immediatamente usciti e nei pressi di Capo Glavice abbiamo trovato una forte forte bora e condizioni atmosferiche particolarmente avverse. Lì per lì eravamo quasi sul punto di rigirarci e rientrare nella marina perché ci eravamo resi conto che eravamo noi stessi in grave pericolo, ma nonostante questo, abbiamo deciso di proseguire. Dopo aver fatto salire a bordo la signora Jana, suo figlio e il signor Filip, avevamo pensato di fermarci sulla spiaggia vicina perché le condizioni per navigare erano davvero impossibili, ma alla fine abbiamo comunque deciso di tornare al porto turistico. Per quelli che di solito sono dieci minuti di navigazione ci è voluta praticamente un’ora intera».  

Grazie all’intervento dei marinai del porto turistico ACI, i passeggeri sono tornati sani e salvi a Vrboska

  Immediatamente al loro arrivo ​​sul posto, i marinai hanno trovato un’imbarcazione il cui equipaggio era formato da tre persone, tutte ipotermiche e sotto shock. A causa delle forti raffiche di vento e del mare mosso, i dipendenti dell’ACI non hanno potuto rimorchiare l’imbarcazione, ma l’hanno lasciata ancorata lì e hanno trasferito i passeggeri al porto turistico ACI di Vrboska a bordo del loro gommone. Uno dei passeggeri della barca in questione è la signora Jana Matošić Goluža, che ha sottolineato di non avere parole per esprimere la sua gratitudine ai marinai. «L’altro ieri, di pomeriggio, mentre eravamo in mare, siamo stati sorpresi da una tempesta e siccome le onde stavano diventando sempre più forti avevamo deciso di rientrare verso la costa. Sulla strada per Basina, il nostro motore si è spento e non abbiamo potuto avviare quello di riserva che avevamo installato subito dopo nel giro di qualche minuto. A quel punto, abbiamo gettato l’ancora e chiamato un capitano di mare che conosciamo per chiedere aiuto, ma le condizioni meteorologiche non permettevano alla sua imbarcazione di salpare. Per fortuna, l’Autorità Portuale ha chiamato l’ACI, i cui marinai hanno dimostrato destrezza, coraggio e reattività. Ho paura di pensare cosa sarebbe successo se non fossero venuti in nostro aiuto».  

HIGHLIGHTS

Torna su